Home » Cultura locale

Cultura locale

 - Statigliano

"In ogni istante della vita siamo ciò che saremo non meno di ciò che siamo stati"   (Oscar Wide)

Questa pagina è dedicata alla ricerca del nostro passato. Dopo aver realizzato  che molto è stato già perso, abbiamo cercato di raccogliere quello che ancora restava nitido nella memoria dei nostri nonni e che anche se tramandato oralmente rimane come testimonianza storica della nostra cultura. Alcuni aspetti sono rimasti nella vita attuale ma molti sono andati in disuso o sono scomparsi, per questo abbiamo intrapreso l’ardua strada di far conoscere alle nuove generazioni almeno una “foto sbiadita” della cultura  statiglianese  sperando che possa stimolare interesse e passione verso le tradizioni e gli usi su cui si basava la vita semplice ma genuina e serena delle generazioni ormai passate.

La saggezza dei detti antichi Proverbi Filastrocche Indovinelli

Iniziamo con il proporvi ciò che abbiamo recuperato di detti e proverbi che indicano con metafore o similitudini costumi o credenze dell'epoca passata.

  • Marzo iugni i panni, aprile nu’ manca e maggio fa come te pare ( per il freddo)
  • Candelora apara lu pratu pe gl’iove (cresce il prato)
  • Cannelora viernu è fore,. O esce lu suliciegliu o nun esce lu suliciegliu ca nat’ e 40 iurni ce stannu re verniciegli 
  • 4 brillanti giorni 40 ( se piove il 4 aprile)
  • Russu la sera bon tempo mena
  • Arcobaleno re matina ence la cantina (… perché piove tutto il giorno)
  • E voglia re fisca ca gliu ciucciu nu beve
  • Quannu ciove finu finu va ‘nculu  iu cuntadinu
  • Si nun è lupu è cane niru ( se non è cattivo poco manca)
  • ‘Ncopp a cuottu acqua ullita
  • Quannu Montemaiuri fa la cappa si nu ciove oggi rimani nu scappa
  • A santi viecci nun se caccia berrettu ( i vecchi sono poco rispettati)
  • Tante vote lampa finchè ‘ntrona
  • U   sap’  a cucchiara che ‘cce sta ‘ndà pignata
  • “Cummà, ciove e male tiempu fa, alla casa re gliati c’è mala a sta” “ Cummà, ciove e nun me ne curu ma la pizza t’à iarzu gliu culu” (La donna non voleva far vedere che aveva cucinato la pizza e l’aveva nascosta sulla sedia quindi voleva mandare l’amica a casa)
  • Piglia la ciavi appesa agliu ciuovo e trasi gliu ciucciu ca ciove
  • Trista chella pecora che nu’ ‘ppò la lana soa
  • Addo gliu iattu ‘nce sta gliu soce ciabballa
  • Iove chiama ciucciu agl’ asinu
  • Tratta cu chi è megl’ e te e accapezzece le spese
  • Chi male to fa novella te porta
  • Chi fatica mangia e chi nu fatica mangia e beve
  • Chi cientu ne fa una n’aspetta
  • La mamma più figliu se spacca nu capigliu, gliu figliu pe la mamma chell’ che tè se mena ‘ncanna
  • La merula cecata re notte se fa gliu niru
  • Gliu ciucciu piccerigliu pare sempe pulletrigliu
  • La troppa cunfirenza è parente ra mala creanza
  • La pecora che revela perd’ u veccone
  • Quannu ‘nnarriva all’untu rice che sape re rancitu
  • Ienneri e neputi quantu ce fai c’è perdutu
  • Le meglio parole so chelle che ‘nze ricenu
  • Gliu ciucciu port’ a paglia e gliu ciucciu s’a mangia
  • Nisciun’ amicizia è rurata cientanni
  • Tann’ u core mio sta cundiendu quann’ chiove iu iuorn’ e la notte fa bontiempu( il bove fannullone)
  • Vuoi la otte cena e la mugliere ‘mbriaca
  • Te mancanu 19 soldi ‘ppapparà na lira ( il nullatenente)
  • L’acqua che nu scorre fete
  • Quann’ si ferele e caro amico, tieni iu core e nu’ ‘nte firà, vene nu iuorn’ che saremo nemici e chi te po rà la morte te la rà.
  • Si iu picculu favella, iu ruoss a  favellato
  • Chi lassa la via veccia pe ‘lla nova sape chellu che lassa e nu ‘ssape chellu che trova
  • Re S.Martinu mo pranzi e mo cini ( la giornata è corta)
  • Re S. Lucia nu passu re caglina, re Natale nu passu re cane, re Capurannu nu passu re cavallu  (allunga il giorno)
  • Re S. Giuanni taglia le amme ( si taglia miete il grano- amme sono relative alla larghezza delle braccia aperte)
  • S. Antuono, carnevale nuovo, ogni caglina spila gl’ uovo ( il 17 gennaio)
  • S.Antuonu S.Antuonu teccut’iu viecciu e damm’iu nuovo ( quando cadeva il dentino)
  • Iu cane se fa viecciu pe uardà, iu crestianu pe i fatti re gliati

Indovinelli
  • 2 lucienti, 2 ‘mbizzienti, 4 mazz’ a pirocca e la scopa addretu la porta. ( la mucca)
  • Quannu scegne  va rirenne e quannu saglie va chiagnenne.   ( il secchio del pozzo)
  • Ce sta na otte e vinu biancu e e vinu russu ( l’uovo)
  • Tengu na stalluccia cu tanti cavallucci e unu che caucea a tutti. ( la bocca con i denti e la lingua)
  • Pezze ‘ncopp’ a pezze, pezze verde panno, nu ‘nciaddevini manco si ve la fine e iannu (la cappuccia)
  • Senza cosse fuie e scappa, senza occa parla e allucca (la lettera via posta)
  •  ‘Ncoppa  a ‘nna finestraccia ce sta na vecchiaccia che  quannu allucc’ chiama tutta la gente ( la campana)
  • Mastu Paulu è luongu luongu, la mugliere è curta e chiena, i neputi brutti e belli. ( la pigna)
  • ‘Ncapu te la curona, ai pieri te iu sperone, nun è né re e cavaliere nun è, addevina che cos’è.(il gallo)
  • Io sebbé nun sia pittore, facciu ritratti a tutte l’ore. Ne facciu belli e ne facciu brutti chi addevina è chiù addritt’ e tutti. ( lo  specchio)

Filastrocche
  • Ciccu ciccu rassu cua’ presuttu a me me lassi ( si cantava al maialino accarezzandolo al pascolo)
  • Cuccurru miu cuccuru cu sette penne ‘nculu cu na frasca re rusiegli cantami gl’ iannucciegli
  • Selluzzu va a puzzu, va a mare, va add’ a cummare, tre vote a’ ‘ggì, tre vote a ‘vvenì e là puozzi rimanè
  • Selluzzu va a puzzu, va a mare, va add’ a commare vir’ che te rà, vir’ che te rice, vieni ‘ccà e vienimel’a dice
  • Lucicappella vieni ra ‘ccà, ca te ronco lu baccalà, lu pane rella vicina e lu casu pecorino
  • S. Sebastianu te se mangenu cuottu e sano, cu tanta proprietà mancu na batteria te fannu sparà.
  • S. Savastianu miu, te se mangenu cuottu, cruru e sano, tantu ch’ è  ‘llueru ‘nte ricenu mancu la nuera, tantu ch’ è ‘llueru chessu che ‘nte ricenu mancu na messa
  •  Pe mangia nun ce vò niente, pe cacà ce vonn’ i stienti, me sponto e me sbraco, m’accou e caco, pe quannu oto e reoto mangiass’ nata vote.
     

I mesi dell'anno e Scioglilingua

  • Gennaio -  innaru scassa a pagliara /  innaru siccu, massaru riccu
  • Febbraio - curtu e amaro / febbraru notte e iurnu  appara / à cannelora  ogni caglina spila l’ Ova/ si febbraru nu febbrarea, marzu male pensa
  • Marzo  -  si marzu vò fa, manna la zita a ballà e  la scrofa a suglià ma si marzu ncrogna te  fa zumpà  logna/ marzu marzucciu le pecore mie annu spuntatu le curnecce         
  • Aprile    aprile, ogni goccia nu varrile--  quattro brillante giorni quaranta
  • Maggio -   è maggio e ancora friddu aggio, si nù ‘vvé  austu nummé scalentu ‘ntuttu /  quannu canta gl’asciu piglia iove e port’ ia pascie / Maggio urtulanu assai paglia e pocu ranu      ( se  piove a maggio fa bene all’orto ma non ai campi)
  • Giugno -       bon tempo r’ giugnu appara i ranni r’ nu maggiu luongu……
  • Luglio -       lugliu trebbiatore assai grazia ru Signore
  • Agosto –      si vuoi assai mustu, zappa le viti ‘nda austu / l’aqcua r’austu fa uogliu e mustu/quannu ciove tra luglio e austu, ciove latte, uoglio e mustu
  • Settembre-    settembre cauru e assuttu  ‘mmatura ogni fruttu
  • Ottobre-       ottobre chiuvusu, terreno fruttusu
  • Novembre -  nuvembre, nuvembrinu sarap’ a otte e s’assaggia u vinu
  • Dicembre – quann’ chiove re S. Bibiana (2 dicembre) chiove nu mese e na semmana / natale cu sole e Pasqua chiù  tizzone/pim’e Natale né friddu e né fame, roppu Natale friddu e fame.

Scioglilingua

  • 3 vincigli fitti fitti, futi futi ‘mmiezu mare
  • Scarpà famme nu par’ e scarpe ‘ntrellate, strellate e cu na piccula ‘ntagliatura, si nu ‘ me le fai né ‘ntrellate, né strellate cu la piccula ‘ntagliatura ‘nde pacu né la ‘ntrellatura, né la strellatura, né la piccula ‘ntagliatura
  • Nu chizzu, nu cuozzo, nu carru e na carrozza, dui chizzi, dui cuozzi, dui carri e doe carrozze….( fino cinque)                                                                                                                                         
  • Zi mo’ che bellu cuozzo rassu, a te zi monecu  cussu rassu cuozzu
  • Messa ‘ncopp’a fossa, a fossa ‘ncopp’ a messa
  • “ Cummà è fatt’ a cena? “ Cummà, si Marcu ve cundissu, torn’ a cenà cu issu, si Marcu ve ‘ngagnatu aggiu miezu cenatu
  • Pe coppa nu muru, meluni cuglienne, ienne menenne meluni cuglienne.

Sito web in aggiornamento...